Cerca
Close this search box.

Google mette in pausa il modello Gemini: problemi di rappresentazione etnica

Immagine della scritta illuminata di Google.

Google ha deciso di mettere temporaneamente in pausa il suo nuovo modello di intelligenza artificiale che produce immagini di persone. Successivamente a una serie di critiche riguardanti la rappresentazione di soldati tedeschi della seconda guerra mondiale e vichinghi come persone non bianche, l’azienda dichiara sul suo profilo X ufficiale che adeguerà il suo modello Gemini. […]

Porno AI: Nuove Frontiere, Vecchi Problemi – Il Dilemma dell’Industria del Sesso

immagine praticamente interamente nera con al centro un volto di profilo emerge illuminato da una lieve luce rossa.

L’intelligenza artificiale (IA) sta rivoluzionando l’industria dell’intrattenimento per adulti con la creazione di modelli che generano immagini e video fotorealistici, permettendo agli spettatori di diventare registi del proprio porno. Questo nuovo approccio solleva importanti questioni etiche e pratiche, incluso il modo di compensare gli artisti il cui aspetto viene utilizzato per creare contenuti AI e […]

Intelligenza Artificiale e secolarizzazione

È prevedibile che l’affermarsi dell’Intelligenza Artificiale comporterà una secca perdita dell’idea di trascendenza e una sempre più completa “naturalizzazione” dell’uomo.

Il dilemma etico delle Voci AI dei bambini uccisi

Genitori di bambini vittime della violenza armata, spinti dal voler bloccare la diffusione incontrollata delle armi negli USA, hanno utilizzato l’intelligenza artificiale per ricreare le voci dei loro figli scomparsi. Questo progetto emerge in un contesto americano dove il dibattito sul controllo delle armi è fortemente polarizzato, riflettendo la profonda divisione nella società statunitense riguardo alla regolamentazione delle armi da fuoco e al diritto costituzionale di possederle.

L’AI non combatte la solitudine

Anna Mae Duane affronta il problema della solitudine negli Stati Uniti, paragonando i suoi effetti nocivi a quelli di fumare 15 sigarette al giorno. Questa situazione non solo danneggia la salute individuale ma minaccia anche la democrazia, per la quale è fondamentale il senso di connessione tra i cittadini. Le aziende tecnologiche propongono l’utilizzo di chatbot intelligenti come rimedio alla solitudine, mentre Duane sottolinea che affidarsi soltanto alla tecnologia non è adeguato.

Sam Altman e l’Intelligenza Artificiale Generale

L’Intelligenza Artificiale Generale rappresenta un passo evolutivo nell’ambito dell’intelligenza artificiale, che punta a simulare o addirittura superare le capacità cognitive umane. Questa forma di AI si distingue per la sua versatilità e adattabilità, con l’abilità di apprendere da contesti vari e di rispondere a situazioni in maniera analoga a quella di un essere umano.

Il lungotermismo: la filosofia della Silicon Valley

Il lungotermismo si concentra su progetti ambiziosi come la colonizzazione dello spazio o lo sviluppo di intelligenza artificiale avanzata, tende a favorire una ristretta élite che ha le risorse e le capacità per investire in queste iniziative a lungo termine. Questo crea una disparità dove il benessere e le prospettive future delle élite tecnologiche e finanziarie vengono valorizzati più delle esigenze immediate della maggior parte della popolazione mondiale.

AI e Partecipazione Pubblica

L’articolo solleva questioni fondamentali nel campo dell’AI che richiedono attenzione e azione: la necessità di maggiore trasparenza e coinvolgimento pubblico nelle decisioni; l’importanza di bilanciare benefici e rischi dell’AI, innovazione e responsabilità sociale; la responsabilità nell’uso dell’AI che pone in rilievo la necessità di chiare linee guida e regolamenti per garantire che sviluppatori e aziende siano tenuti responsabili per eventuali danni causati dai loro sistemi. L’autrice enfatizza l’importanza di un approccio inclusivo e partecipativo nello sviluppo di un quadro di AI che sia responsabile, trasparente e centrato sul benessere delle persone e delle comunità.

Neuralink di Elon Musk: appello della comunità scientifica per maggiore trasparenza

Il progetto Neuralink punta a rivoluzionare la vita delle persone con gravi disabilità motorie, offrendo loro la possibilità di controllare dispositivi elettronici mediante il pensiero. Tuttavia, l’articolo dpone in risalto non solo l’entusiasmo suscitato da tale innovazione ma anche le serie preoccupazioni espresse dalla comunità scientifica, legate all’assenza di trasparenza.

Accedi per vedere questi contenuti

registrati se non lo ha ancora fatto